Sorridi

Sorridi.

La vita è come una siepe fiorita in una foresta di solitudine

dove le foglie sono speranze,

i fiori sogni, le spine i giorni tristi della vita.

Sorridi.

Perchè le spine, una alla volta, cadranno

e la siepe fiorirà ancora a primavera.

(Romano Battaglia)

Annunci
Published in: on 28 luglio 2011 at 09:38  Lascia un commento  

Che sfortuna che ci sei

Una commedia divertente, piacevole da guardare…Come voto gli darei un sei e mezzo..

Il titolo originale è “La Chance de ma vie”. L’idea di base e la trama in generale, sono  davvero forti. Al centro della storia troviamo Julien Monnier (François-Xavier Demaison), un consulente coniugale, colui che dovrebbe ricucire i rapporti altrui. Il problema di cui egli stesso soffre, è abbastanza grave: appena s’innamora di una donna, questa si carica di energie negative e di disgrazie, passandone di tutti i colori! La ragazza a cui ha dato il primo bacio è caduta in acqua subito dopo; una era allergica alla sua saliva, un’altra stava per lasciare le penne su una piastra incandescente e così via. Quando Julien mette gli occhi sulla bella designer Joanna (Virginie Efira), il problema si ripropone, e allora cosa fare? Scegliere l’amore o salvare Joanna dalle disgrazie?

Troppo divertente, fresca, briosa, una favola raccontata in maniera semplice e lineare. I due protagonisti principali sono perfetti nei loro ruoli, in piena sintonia. La sceneggiatura di Luc Bossi e Laurent Turner è zeppa di dialoghi ironici ma mai volgari, anche se ci sono alcune sequenze “estreme” che vi faranno morire dal ridere (occhio al cane di Julien e agli oggetti erotici di Joanna che spuntano fuori quando non dovrebbero!). Strizzando l’occhio alle maggiori commedie americane degli ultimi anni, il regista non perde mai d’occhio il tema portante di tutta la pellicola, la sfiga che incombe sull’amore, e soprattutto non ci sono troppi punti morti, grazie alla continua sequela di battute e gag studiate nei minimi particolari.

(Dal web)

Published in: on 26 luglio 2011 at 08:57  Lascia un commento  

Sorriso di donna

Sorridi donna

sorridi sempre alla vita

anche se lei non ti sorride

 

Sorridi agli amori finiti

sorridi ai tuoi dolori sorridi comunque

 

Il tuo sorriso sarà:

luce per il tuo cammino

faro per naviganti sperduti

 

Il tuo sorriso sarà:

un bacio di mamma

un battito d’ali

un raggio di sole per tutti.

 

(Anonimo)

Published in: on 25 luglio 2011 at 14:20  Lascia un commento  

Pensiero del giorno

Mai cedere, rubare, ingannare o bere.

Ma se devi cedere, fallo tra le braccia della persona che ami,

se devi rubare ruba il tempo che vuoi per lei,

se devi ingannare inganna la morte

e se devi bere inebriati dei momenti che ti tolgono il respiro

(Dal web)

Published in: on 21 luglio 2011 at 12:48  Lascia un commento  

Per sempre (Susanna Tamaro)

Un romanzo triste..romantico, e soprattutto ricco di numerosi spunti di riflessione (il rapporto con Dio, l’idea della morte, il senso di solitudine, ecc.)

Un viaggio intriso di amore e dolore, di ricordi che riaffiorano dal passato, di luoghi in cui la natura amplifica con la sua bellezza e la sua forza i pensieri e le domande del protagonista. Vivendo ormai da anni immerso nella natura che circonda la sua casa in mezzo ai boschi, Matteo si confronta con la propria coscienza sul filo dei ricordi di un passato che riaffiora e si alterna al presente delineando i protagonisti, passati e presenti, della sua vita. “Perché, quando succede qualcosa di irreparabile, non si fa che pensare a quello che si poteva evitare?” Cercando la risposta a infinite domande, Matteo racconta la sua storia forte e dolorosa, poetica e profonda: una storia d’amore così intensa da obbligare il lettore a confrontarsi con il racconto di una vita che, alla fine, non riguarderà più soltanto il protagonista ma tutti coloro che la leggeranno. Per sempre è la storia di un amore. Che permane e resiste e che è, soprattutto, un amore impossibile. Con una scrittura nitida ed evocativa, a 17 anni di distanza dalla pubblicazione di Va’ dove ti porta il cuore, Susanna Tamaro torna con uno straordinario romanzo sulla profondità dell’animo umano, sulla fatica di crescere, sul coraggio e sull’amore come fondamento di ogni rapporto.

Ecco alcune recensioni che ho trovato sul web:

  • Una scrittura nitida ed evocativa; un romanzo sulla profondità dell’animo umano, sul coraggio e sull’amore come fondamento di ogni rapporto.
  • E’ il primo libro della Tamaro che leggo perché ero scettica e un po’ prevenuta nei suoi riguardi, ma mi sono ricreduta: il libro è stupendo, riflessivo, vivo …l’ho iniziato il libreria e appena tornata a casa non mi ha più abbandonato per due giorni, ovunque andassi non riuscivo a staccarmi, ed è stato così fino alla fine.
  • Mi è piaciuto molto, scorrevolissimo e con contenuti saggistici importanti. Penso che ognuno di noi si ritrovi nelle parole della autrice.
Published in: on 14 luglio 2011 at 13:20  Comments (2)  

Amore

Quando due cuori si incontrano, piantano un seme.

Da questo seme nascerà una pianta bellissima.

Questa pianta ha un nome dolcissimo, AMORE .

Per germogliare l’amore ha bisogno di tenerezza.

Ha bisogno del calore della primavera della vita.

(Dal Web)

 

Published in: on 13 luglio 2011 at 12:16  Lascia un commento  

Sogno

Sai leggere il cielo…

 alza gli occhi e conta le stelle

 in ognuna c e’ un pensiero..

 un amore……

 un sogno…..

(Dal Web)

Published in: on 12 luglio 2011 at 12:08  Lascia un commento  

Angeli nell’ombra (Becca Fitzpatrick)

E’ il seguito de Il bacio dell’angelo caduto e il secondo volume della serie paranormal romance YA Hush.. Il terzo è ultimo romanzo dovrebbe uscire in autunno negli U.S.A.

La sua idillica storia d’amore con Patch, diventato il suo angelo custode dopo averle salvato la vita, continua e diventa più intensa ed emozionante. I due si scambiano dolci promesse e tutto sembra andare per il meglio, almeno fino a quando Marcie Millar, la peggior nemica di Nora, fa la sua entrata in scena.

Inspiegabilmente, infatti, Patch inizia a passare del tempo con Marcie e ciò, insieme ad altri strani comportamenti dell’angelo custode (il fatto di tenere Nora all’oscuro sul suo passato e, in parte, anche sul suo presente), provoca nella ragazza una gelosia sempre maggiore.

A complicare la situazione c’è la madre di Nora che, dopo aver perso il marito e aver rischiato di perdere anche sua figlia, diventa molto apprensiva e la controlla quasi a ogni passo.

Intanto Nora inizia ad avere delle strane visioni su suo padre e sulla sua morte che finiscono per ossessionarla: il desiderio di scoprire la verità sulla sua morte la  porta a dubitare persino di Patch.

Il pericolo, inoltre, è sempre in agguato e Nora non deve abbassare la guardia e lasciarsi trasportare dai sentimenti se vuole riuscire a sopravvivere: saranno molte le scelte che dovrà affrontare e le decisioni da prendere; decisioni che cambieranno completamente la sua vita. Molte, poi, anche le rivelazioni sulla sua nascita e sul suo destino: faccende in stretta relazione anche con la morte di suo padre.

Ecco alcune recensioni che ho trovato in internet:

  • E’ un libro sicuramente più emozionante e complesso del precedente anche perché viene approfondito il lato mitologico della serie, riguardante il particolare rapporto tra angeli caduti, esseri umani e Nephilim.

  • Si tratta di  un romanzo capace di coinvolgere il lettore sin dalle prime battute e di alternare momenti narrativi tranquilli a colpi di scena imprevedibili che spingono la tensione ad altissimi livelli. Il libro é per adolescenti ma piacerà sicuramente anche agli adulti soprattutto se cercate qualcosa di simpatico e leggero.  Una storia raccontata in prima persona (dalla stessa Nora), trama originale, avvincente e con uno stile scorrevole che migliora libro dopo libro (un miglioramento che si nota soprattutto nei dialoghi e nella caratterizzazione dei personaggi).  Finalmente si cominciano ad approfondire alcuni aspetti lasciati in sospeso come per esempio la morte del padre di Nora o il mondo dei Nephilim (sempre più terrificante), ma non mancano nuovi misteri si profilano all’orizzonte.  Naturalmente non poteva mancare la simpatica Vee, la migliore amica di Nora che con le sue battute e la sua natura irriverente smorza l’atmosfera quando diventa più tesa e cupa.  Patch diventa più pericoloso, aggressivo, manipolatore e affascinante, proprio come dovrebbe essere un ex angelo caduto (non dimentichiamo che Patch ha vissuto in varie epoche). Nora, invece, é un tantino immatura ma comincia a provare sentimenti come la gelosia, l’invidia e l’egoismo, proprio come dovrebbe essere un’adolescente con i suoi problemi. Personaggi realistici anche se ci sono stati dei momenti in cui avrei voluto strangolarli.  Scatenerà in voi un mix di sentimenti: tensione, pathos, irritazione, rabbia, tristezza, sensualità e gioia.
Published in: on 7 luglio 2011 at 14:49  Lascia un commento  

Bambino

 Bambino, se trovi l’aquilone della tua fantasia

legalo con l’intelligenza del cuore.

Vedrai sorgere giardini incantati

e tua madre diventerà una pianta

che ti coprirà con le sue foglie.

Fa delle tue mani due bianche colombe

che portino la pace ovunque

e l’ordine delle cose.

Ma prima di imparare a scrivere

guardati nell’acqua del sentimento.


(Alda Merini)

Published in: on 6 luglio 2011 at 11:55  Lascia un commento  

La bastarda di Istanbul (Elif Shafak)

Questo romanzo mi ha fatto innamorare di Istanbul, avevo la sensazione di camminare per le sue vie, di sentirne gli odori…sono stata conquistata dalla storia di questa città multi etnica..

Istanbul non è una città, è una grande nave. Una nave dalla rotta incerta su cui da secoli si alternano passeggeri di ogni provenienza, colore, religione. Lo scopre Armanoush, giovane americana in cerca nelle proprie radici armene in Turchia. E lo sa bene chi a Istanbul ci vive, come Asya, diciannove anni, una grande e colorata famiglia di donne alle spalle, e un vuoto al posto del padre. Quando Asya e Armanoush si conoscono, il loro è l’incontro di due mondi che la storia ha visto scontrarsi con esiti terribili: la ragazza turca e la ragazza armena diventano amiche, scoprono insieme il segreto che lega il passato delle loro famiglie e fanno i conti con la storia comune dei loro popoli. Elif Shafak, nuova protagonista della letteratura turca, affronta un tema ancora scottante: quel buco nero nella coscienza del suo paese che è la questione armena. Simbolo di una Turchia che ha il coraggio di guardarsi dentro e di raccontare le proprie contraddizioni, Shafak intreccia con luminosa maestria le mille e una storia che fanno pulsare il cuore della sua terra.

Ecco alcune recensioni che ho trovato sul web:

  • All’inizio del libro ero un pochino disorientata dai salti temporali della narrazione e dai vari personaggi, però devo dire che il finale rivela il colpo di scena e “chiude il cerchio” di tutta la storia. Il tema del genocidio degli armeni viene trattato con garbo ed intelligenza e fa luce su una questione storica spesso non trattata sui libri di scuola. Nel complesso proprio un buon libro!
  • Affascinante il mondo tutto femminile che vi viene descritto e la città di Istanbul che fa da scenario.Solo un appunto: il finale è inaspettato e non delude ma è un po’ troppo frettoloso.
  • Ho iniziato a leggere questo libro mal volentieri, non mi ispirava per niente…ma poi…piano piano la storia raccontata diventava sempre più intrigante e il clima, l’atmosfera in cui entravo ogni volta che leggevo era talmente piacevole da desiderare di leggerlo in ogni momento libero della giornata. Lo consiglio assolutamente. La Turchia di oggi…il suo passato..il genocidio armeno…è tutto molto interessante. I personaggi sono deliziosi…le zie di Asya in particolare…vorresti conoscerle sul serio…poterle incontrare da qualche parte e poter parlare con loro…
    Il finale è duro ma molto significativo…Bello!!
  • Decisamente da leggere anche per il tono “leggero” e piacevole con cui affronta un argomento importante che non ha avuto, sino ad oggi, la giusta rilevanza.
  • Ho trovato il libro entusiasmante, è un misto di storia (genocidio degli armeni , visto sia dal punti di vista armeno, che turco), di romanzo, (è personaggi( tutti perfettamente delineati e intrigo), di ricettario sulla cucina turca e armena..e poi ti fa venir voglia di visitare istanbul….leggetelo!!!!
Published in: on 4 luglio 2011 at 12:13  Lascia un commento