Il filo rosso

Romanzo14 (Voto 6 --)

 Autore : Paola Barbato

Anno edizione: 2010

Pagine: 346

Voto:

Dopo aver letto le recensioni mi aspettavo un romanzo avvincente ed invece trovo che sia troppo articolato, soprattutto la lunga spiegazione finale.

Da cinque anni Antonio Lavezzi non ha più una vita. Una tragedia orribile ha distrutto la sua famiglia e lui è scappato, rifugiandosi in un paese dell’alto Veneto e nel suo lavoro di ingegnere edile. Metodico e preciso, si è impegnato per avere un’esistenza il più possibile anonima, al riparo da altri traumi. Poi, un giorno, il telefono squilla: Antonio deve correre in cantiere, è morto un uomo. All’inizio sembra solo un drammatico incidente, ma ben presto si svela essere qualcos’altro: quel morto è un messaggio per lui, una richiesta d’aiuto. Qualcuno gli chiede di fare ciò che nessun altro fa, gli chiede di liberare quella sete di vendetta che per troppo tempo ha tentato di comprimere, e di metterla al suo servizio. Antonio è confuso, ha paura di sporcarsi le mani, ma lentamente, senza quasi accorgersene, viene risucchiato in un vortice di messaggi da decifrare, di incontri sconvolgenti, di gesti inspiegabili. Non è lui a orchestrare il gioco, e non è neppure l’unico anello della spaventosa catena mortale: a lungo si limiterà a eseguire gli ordini e non farà troppe domande, ma al culmine della tensione sarà costretto a scegliere che cosa diventare

(Dal web)

 

 

Annunci
Published in: on 2 gennaio 2019 at 16:23  Lascia un commento  

Siamo stati così felici

 

Romanzo13 (Voto 7)

Autore: Giampaolo Pansa

 Anno pubblicazione: 1995

Pagine: 272 p

Voto: 7

Uno spaccato sull’Italia del dopoguerra, poverissima e sull’orlo della guerra civile. La dolce storia d’amore tra Anna e Paolo si intreccia e scontra con le vicende politiche dell’epoca. Semplice commovente struggente.

1947, Anna ha vent’anni e Paolo diciotto quando s’incontrano nella cittadina piemontese in cui vivono. Come tutti a quell’epoca, vorrebbero un po’ di benessere e serenità, ma i tempi sono ancora difficili e l’Italia si sta avviando verso le drammatiche elezioni dell’aprile 1948. Anna è comunista, anche se con qualche dubbio, Paolo è incerto e desidera soprattutto proteggere il loro amore dalle violente passioni faziose che lo circondano. Ma lei ha un segreto, che a poco a poco la imprigiona come in una gabbia…

(Dal web)

Published in: on 2 gennaio 2019 at 16:15  Lascia un commento