Cinque cuccioli sotto l’albero

Romanzo47

Autore: W. Bruce Cameron

Traduttore: A. Di Liddo

Editore: Giunti Editore

Anno edizione: 2013

Pagine: 240 p.

Voto: 7 ½

 

Bellissimo romanzo…Se amate i cani ed amate il Natale dovete leggerlo, è impossibile non commuoversi…

Josh vive sulle montagne del gelido Colorado, in una casa troppo grande per il suo cuore a pezzi: Amanda, il vero amore della sua vita, se n’è andata, e la prospettiva di un Natale da solo non è allettante. Ma basta qualche piccolo scherzo del destino a mettere tutto sottosopra in un batter d’occhio. Cosa succede infatti se il vicino di casa in partenza per l’Europa gli molla Lucy, una cagnona irresistibile dagli occhi languidi? E se nel retro del suo pick-up trova uno scatolone da cui spuntano cinque cagnolini infreddoliti? Alle prese con tutti questi cani senza mai averne avuto uno, Josh non ha più tempo per disperarsi: ora la casa si è trasformata in un allegro campo giochi. Lucy è diventata l’adorabile mamma adottiva dei cuccioli e Josh l’umano capo branco che, con l’aiuto della bella Kerri che lavora nel canile vicino, si prende cura di loro in attesa che qualcuno li adotti per Natale. Ma l’affetto per i nuovi amici a quattro zampe cresce ogni giorno di più, insieme al legame con Kerri. Finché, all’improvviso, Amanda torna a bussare alla sua porta… “Cinque cuccioli sotto l’albero” è una favola natalizia sull’amore, sull’amicizia e sulla fedeltà.

(Dal web)

Annunci
Published in: on 2 gennaio 2018 at 13:14  Lascia un commento  

Un battito d’ali

Romanzo46

Autore: Sveva Casati Modignani

Anno pubblicazione: 2017

Pagine: 163

Voto: 6

Romanzo carino… che si legge velocemente.

Sveva è inginocchiata nel suo giardino, intenta a sradicare le erbe infestanti. All’improvviso sente un profumo inequivocabile, quello di suo padre, e si rende conto di quanto lui le sia ancora vicino nonostante sia mancato ormai trent’anni fa. “Caro papà, è stato così che ho deciso di raccontarti quello che ti ho sempre taciuto…”, scrive, aprendo lo scrigno della memoria. Il ricordo la riporta alla fine degli anni cinquanta, a Milano, quando è una giovane donna costretta a lasciare l’università per affacciarsi al mondo del lavoro con la piena consapevolezza di non saper fare nulla di concreto. Si improvvisa segretaria prima in un ufficio di rappresentanza commerciale, poi in una prestigiosa galleria d’arte, dove incrocia artisti e intellettuali che solleticano la sua curiosità. Ma per quel lavoro non sente alcuna inclinazione, e ben presto capisce di dovere imboccare un’altra strada, perché ciò che le piace davvero è il mestiere di scrivere. Diventerà una narratrice dopo anni di giornalismo. Gli esordi di Sveva Casati Modignani hanno dell’incredibile, anche perché raccontano un’Italia del boom economico che non esiste più, dove le prospettive di lavoro erano molto diverse da oggi. In questo viaggio nel passato, che alterna una graffiante lucidità con la tenerezza che la lega alle persone amate, l’autrice conduce il lettore fino alle soglie della sua affermazione come scrittrice, quando pubblica il suo primo romanzo. E ci ricorda che, nella vita, nulla avviene per caso, che dagli errori si può imparare, che ogni porta chiusa ha una sua chiave per aprirsi

(Dal web)

Published in: on 2 gennaio 2018 at 13:04  Lascia un commento  

Una finestra vistalago

Romanzo45

Autore: Andrea Vitali

Anno di pubblicazione: 2003

Pagine: 364

Voto: 6 ½

Leggo sempre con piacere i romanzi di Vitali, mi piace molto il suo stile di scrivere…il modo in cui descrivi luoghi a me familiari e cari.

Il romanzo si svolge attorno ad un nome molto comune in quel di Bellano, un tal Arrigoni Giuseppe. Tradimenti, figli indesiderati, matrimoni quasi riparatori, politica e amore si intrecciano in un paese che dagli anni venti agli anni settanta ne vede di cambiamenti ma resta pur sempre un paese sulle rive del lago di Lecco.

 

(Dal web)

Published in: on 23 novembre 2017 at 10:28  Lascia un commento  

La ragazza di Brooklyn

Romanzo44

Autore: Guillaume Musso

Traduttore: S. Arecco

Anno pubblicazione: 2016

Pagine: 435 p.

Voto: 6 ¾

Questa volta Musso in versione triller mi ha convinto…Bello il finale.

Raphael – un giovane scrittore di successo, ora in crisi creativa, e ragazzo padre – da sei mesi ha una relazione con Anna. Anna è bella, dolce, intelligente, eppure nasconde qualcosa. Durante un weekend d’amore in Costa Azzurra, a sole tre settimane dal loro matrimonio, Raphael non riesce a trattenersi e, con insistenza, chiede ad Anna dettagli sul suo passato. Anna, esasperata, mostra a Raphael un’immagine dalla galleria fotografica del suo tablet, urlando: “Vedi questo? L’ho fatto io.” Raphael inorridisce alla vista di quella immagine e fugge via. Un gesto di cui subito si pente. Ma al suo ritorno, Anna non è più lì. Raphael la cerca sul cellulare, che risulta spento. Torna a Parigi, dove spera di ritrovarla, ma Anna non è a Parigi. Raphael la ama, è pronto a perdonarle tutto. Ma deve ritrovarla. Chiede aiuto a un suo amico, ex poliziotto, Marc Caradec. Insieme perquisiscono la casa di Anna, ma il buio diventa ancora più profondo, e il mistero sempre più denso: nell’appartamento trovano 400.000 euro in contanti e due carte di identità false. Dunque Anna, forse, non è Anna; e le reticenze di Anna sulla propria vita non erano senza motivi; e quell’immagine, spaventosa, rimane, per Raphael, una delle poche tracce da seguire, per scoprire la verità sulla persona che ama.

(Dal web)

Published in: on 22 novembre 2017 at 09:34  Lascia un commento  

Il club della calzetta

Romanzo43

Autore: María Reimóndez

Traduttore: A. Castellucci

Anno edizione: 2007

Pagine: 286 p.

Voto: 6 ½

Bel romanzo…scritto bene…

Sei donne molto diverse tra loro partecipano a un corso di lavoro a maglia: una domestica obesa, una giovane impegnata politicamente, una ragazza bellissima e stanca di essere considerata solo un soprammobile, un’anziana molto religiosa, una prostituta, una donna con una grave menomazione fisica, tra un punto e l’altro si intrecciano i racconti, nascono vincoli di amicizia, la solitudine di ognuna si trasforma in solidarietà. Scritto con una struttura “a maglia”, il libro è un romanzo a più voci che parla di ogni donna e delle sue piccole e grandi battaglie quotidiane.

(Dal web)

Published in: on 14 novembre 2017 at 09:37  Lascia un commento  

Con quello sguardo un po’ così

Romanzo42

Autore: Frauke Scheunemann

Pagine: 278 pagine

Anno di pubblicazione: 2011

Voto: 6 +

Romanzo carino, divertente…Se amate gli animali vi consiglio di leggerlo.

Ultimo discendente di una blasonata famiglia di bassotti, Carl-Leopold von Eschersbach non riesce in alcun modo ad abituarsi alla vita proletaria del canile in cui è stato abbandonato. Così, quando una ragazza di nome Carolin lo porta a casa con sé, il cucciolo è pazzo di gioia. Carolin è il miglior essere umano al mondo, ne è sicuro. E che importa se decide di chiamarlo Ercole? Se a lei piace quel nome buffo e un po’ ridicolo, piacerà anche a lui. Perché ora la sua vita di bassotto è proprio bella. Certo, sarebbe maglio se non ci fosse Thomas, il fidanzato di Carolin. Lui è prepotente, rumoroso e ha un odore insopportabile. E, come se non bastasse, tratta male Carolin. Per questo, Ercole escogita un piano ingegnoso per aiutare la sua padroncina a sbarazzarsi di Thomas e a trovare un nuovo fidanzato… con un odore migliore!

(Dal web)

Published in: on 10 novembre 2017 at 11:16  Lascia un commento  

Il mercante di libri maledetti

Romanzo41.jpg

Autore: Marcello Simoni

Editore: Newton Compton

Anno di pubblicazione: 2011

Pagine: 288

Voto: 6 +

Romanzo carino, con parecchi colpi di scena.

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato “Uter Ventorum”, lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'”Uter Ventorum” è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

(Dal web)

 

Published in: on 23 ottobre 2017 at 14:53  Lascia un commento  

Granny Dan. La ballerina dello zar

Romanzo40

Autore : Danielle Steel

Anno di pubblicazione: 2003

Pagine:188

Voto: 6 –

Romanzo carino, scorrevo ma non mi ha emozionato più di tanto, non mi sono ritrovata nei personaggi.

Alla morte di Granny Dan, l’adorata nonna che cantava canzoni in russo e non amava parlare del passato, alla nipote restano come unici ricordi un vecchio paio di scarpette da ballo, un medaglione d’oro e un fascio di lettere. Ricordi di una vita fuori dal comune: ammessa nel 1902 alla prestigiosa scuola di danza di San Pietroburgo, Granny Dan divenne la danzatrice prediletta dello zar. Ma la guerra, una terribile malattia, un uomo straordinario e infine la Rivoluzione le imposero una scelta straziante…

(Dal web)

Published in: on 12 ottobre 2017 at 12:35  Lascia un commento  

Mi chiamano Ada

Romanzo38

Autore: Simona Toma

Anno di pubblicazione: 2015

Pagine:252

Voto: 6

Romanzo carino…scorrevole, il finale però mi ha lasciato un po’ così e così…

Ada è nata ed è sempre vissuta a Lecce. A cinquant’anni, alla vita non ha nulla da rimproverare. Un marito disoccupato e sempre di cattivo umore, due anziane mezze matte in casa, un figlio indolente e una figlia ambiziosa ma infelice: questo il suo quadro famigliare. Ma lei, a dispetto del suo nome di battesimo, Addolorata, sa sempre come conservare l’ottimismo. Non è una donna senza sogni, ma ha sogni adeguati alle sue possibilità. E poi c’è santa Teresina che veglia su di lei. Eppure qualcosa nella vita di Ada è destinato a cambiare. Sarà una piccola rivoluzione, ma chi l’ha detto che non porti con sé la vera felicità ?

(Dal web)

Published in: on 9 ottobre 2017 at 09:32  Lascia un commento  

Appartamento a Parigi

Romanzo37.jpg

Autore: Guillaume Musso

 Numero di pagine: 340

Anno di pubblicazione: 2017

Voto: 6

 

Musso è uno dei mie autori preferiti…i suoi romanzi mi hanno sempre tenuto col fiato sospeso…i suoi ultimi romanzi però mi stanno deludendo un po’

Parigi, un appartamento senza inquilini nel centro della città, silenzioso, troppo perfetto per non nascondere misteri. Madeline, una giovane poliziotta di Londra, lo prende in affitto per cercare un po’ di riposo, dopo una serie di casi non risolti e la crisi della sua storia d’amore. Per un errore tecnico, nella stessa casa arriva anche Gaspard, venuto a Parigi per isolarsi e scrivere in tranquillità la sua nuova opera teatrale. Queste due anime solitarie e irrequiete sono così costrette a vivere assieme per qualche giorno. L’appartamento era di proprietà del celebre pittore Sean Lorenz che lo usava anche come studio, e in quelle stanze si respira ancora la sua passione per i colori e per la luce. Distrutto dall’assassinio del giovane figlio, Lorenz è morto l’anno precedente l’arrivo dei due inquilini, lasciando in eredità tre dipinti, che tuttavia risultano oggi scomparsi. Affascinati dal suo genio e colpiti dai molti misteri che avvolgono la sua vita e, soprattutto, la sua morte, Madeline e Gaspard decidono di unire le forze per ritrovare le opere dell’artista. Ma per arrivare a scoprire il segreto che si nasconde dietro l’enigmatica figura di Sean Lorenz, Madeline e Gaspard dovranno affrontare i loro demoni in un’indagine che li cambierà per sempre.

(Dal web)

Published in: on 6 ottobre 2017 at 13:06  Lascia un commento