La materia dei sogni

www.inmondadori.it

Titolo: La materia dei sogni

Titolo Originale: Dream Stuff

Autore: David Malouf

Traduttore: Franca Cavagnoli – F. Cavagnoli

Editore: Frassinelli

Anno di pubblicazione: 2002

Pagine : 246

Voto : 5 ½

 Alcuni racconti mi hanno emozionato, altri mi hanno fatto riflettere…altri ancora mi hanno lasciato indifferenti. Complessivamente questa raccolta mi ha un po’ deluso..mi aspettavo qualcosa di più.

divisore (14) “Noi siamo della stoffa di cui son fatti i sogni”, dice Shakespeare nella “Tempesta”, “e la nostra piccola vita è cinta di sonno.” E i sogni sono la materia di cui è intessuta quest’opera di David Malouf, sogni che, sullo sfondo di un’Australia evocata attraverso uno sguardo asciutto e penetrante, turbano i sonni dei suoi personaggi. Sogni che possono prendere la forma di fantasmi, spettri del passato che ritornano a tormentare esistenze tranquille, ricordi che si credevano sepolti chissà dove dentro di sé e che all’improvviso riaffiorano, sconvolgendo per sempre una vita. O, con precisione implacabile, risvegliano desideri e aspirazioni mai sopiti del tutto, lontani come l’infanzia e irraggiungibili come l’innocenza; sensazioni che si credevano dimenticate; paure antiche sedimentate nell’animo. Non solo. Perché sui sogni che popolano questa raccolta di racconti a volte incombe anche una minaccia, il terrore, l’imprevisto. Ma, più spesso, essi rappresentano il senso inarginabile di perdita e solitudine che non si è capaci, o non si vuole, condividere con gli altri e, nello stesso tempo, il bisogno di fuga, evasione, leggerezza.

(Dal web)

Annunci
Published in: on 23 maggio 2014 at 12:12  Lascia un commento  

Vangelo secondo Maria

10314672_10152255622992023_1594251960964091324_n

Titolo : Vangelo secondo Maria

Autore : Alberti Barbara

Anno 1° edizione: 1977

Pagine: 156

Voto: 6

 

Affascinante e poetico, non è la storia della donna saggia e silenziosa che i Vangeli descrivono come un puro strumento nelle mani di Dio, ma di una giovane curiosa che vuole tessere da sola la trama del proprio destino.

Maria è una ragazzina impertinente della Galilea che conosce i segreti della natura. Che immagina la vita come un’avventura, alla scoperta di mondi lontani. Che insegue la conoscenza e sogna, un giorno, di fuggire lontano in groppa a un asino, vestita da ragazzo.

Che corre alla Sinagoga ad ascoltare le storie del Libro delle Scritture. Dalla sua prospettiva di vergine violata dal dio, il lieto annuncio della nascita di un redentore dell’Umanità si trasforma nella promessa di un destino non cercato. E nella consapevolezza che ogni gesto, ogni scoperta sono già stati pensati e voluti.

Barbara Alberti reinventa la storia di Maria, non più spettatrice ma coraggiosa artefice della propria esistenza. Una donna come le altre che si interroga sul significato di una morale che costringe alla rinuncia di sè, negando all’Umanià la conoscenza completa e il diritto alla costruzione di una propria verità sul mondo.

 

(Dal web)

Published in: on 16 maggio 2014 at 12:25  Lascia un commento  

Colomba

IMG_5295-

Titolo: Colomba

Autore: Maraini Dacia

Anno di pubblicazione: 2007

Pagine: 373

Voto: 6

Dacia Maraini è una scrittrice che leggo sempre molto volentieri, ma questa volta mi ha un po’ deluso, ci sono stati momenti che ho avuto la tentazione di interrompere la lettura, alcuni passaggi sono noiosi, poco coinvolgenti, mentre altri sono molto coinvolgenti, proprio per questo nonostante tutto ho voluto dargli la sufficienza.

divisore rosa glitter

Dov’è finita Colomba? Perché la sua bicicletta giace abbandonata ai margini della foresta? Tante ipotesi si affollano nella mente di sua nonna Zaira, dalla fuga al rapimento, alla morte. L’unico indizio è la bicicletta abbandonata dalla ragazza, un anno prima, ai margini della foresta. Ogni mattina Zaira passa al setaccio i boschi delle montagne abruzzesi e intanto cerca una soluzione nell’ordito dei ricordi. Così, in quella nipote persa finisce per cercare tutte le persone scomparse nel passato, in un percorso a ostacoli che diviene la storia della sua famiglia. Con l’aiuto della “donna dai capelli corti”, una scrittrice che vive tra le montagne d’Abruzzo, Zaira riannoda i tanti fili della memoria. Le voci delle due donne si alternano, si sovrappongono, narrano una fiaba che intreccia storie personali e storia italiana. Un romanzo epico e corale, che segna il grande ritorno di Dacia Maraini ai suoi temi prediletti: la trama sottile dei sentimenti, l’attenzione per il mondo femminile e i suoi conflitti, il dolore causato dalla storia, l’amore per la natura.

(Dal web)

 

Published in: on 12 maggio 2014 at 10:17  Lascia un commento