Il diario di velluto cremisi

Il diario di velluto cremisi

Titolo : Il diario di velluto cremisi

Autore: Jio Sarah

Traduttore: Dompè M.; Rincori A.

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 329

Voto: 6 ½

 Romanzo scorrevole, storia interessante e coinvolgente…E’ un libro che consiglio a chi ama le storie che parlano di segreti, di storie di famiglie…

15 È ormai notte quando Emily sale sul traghetto per Bainbridge Island, poche miglia al largo di Seattle. Davanti a sé, le luci dell’isola la accolgono come un abbraccio. Quel luogo è sempre stato il suo rifugio, la sua oasi di tranquillità, ed è quindi il posto ideale per dimenticare, per lasciarsi alle spalle le carte del divorzio appena firmate, il romanzo che il suo editore attende con ansia, ma che lei non ha ancora scritto, e l’oceano di rimpianti che la opprime. Così, per qualche tempo, sarà di nuovo ospite dell’anziana zia Bee, nella casa in cui, da ragazzina, ha trascorso lunghe estati luminose e spensierate. E proprio in quella grande casa, piena di fotografie in bianco e nero e di stanze chiuse a chiave, Emily scopre qualcosa che cambierà per sempre il suo destino: un diario con una consunta copertina di velluto cremisi, in cui una donna di nome Esther racconta la sua storia d’amore con Elliot, una storia che risale al 1943, avvincente e tragica, esaltante e impossibile. Ma chi sono Esther e Elliot? Sono esistiti davvero? E perché quel diario si trova lì, in casa di zia Bee? Nessuno sembra disposto ad aiutare Emily a far luce sul mistero; anzi, di fronte alle sue domande, tutti si chiudono in un ostinato silenzio. Ma, per Emily, capire cosa sia accaduto a quella donna – così lontana eppure così simile a lei – diventa una ragione di vita. Come se il segreto nascosto tra le pagine di quel diario la riguardasse da vicino…

 

(Dal web)

Annunci
Published in: on 28 aprile 2014 at 14:49  Lascia un commento  

Vacanze pasquali

Per le vacanze Pasquali sono andata qualche giorno in Umbria…di questo viaggio ricorderò i bei borghi visitati..l’ottimo cibo assaggiato (sono aumentata di un paio di Kg), ma soprattutto della grande ospitalità della gente umbra…sempre gentile e disponibile…

Eravamo ospiti della nonna di mio cognato, una donna di 92 anni super attiva, che ha fatto di tutto per farci sentire a nostro agio, per renderci partecipi delle tradizioni del luogo..La colazione pasquale è stata sicuramente la tradizione che mi ha colpito di più, il sabato santo c’è l’usanza di porta in chiesa per la benedizioni un cesto con pane, salumi, dolci, uova sode, vino e la tradizione torta di formaggio, poi la mattina di pasqua si fa colazione con questi cibi…è così la colazione diventa un momento di aggregazione, di condivisione..

Ogni giorni c’erano dolci fatti in casa..pasta fresca..salumi del luogo (ho assaggiato una lonza che si scioglieva in bocca) mi hanno fatto provare la crescia..un tipo di focaccia diffusa in Umbria e nelle Marche…e la torta di formaggio, che però non mi è piaciuta molto..un po’ troppo saporita per i mie gusti…

Abbiamo visitato Gubbio, un bellissimo borgo medievale, che avevo imparato a conoscere guardando Don Matteo (che adoro), ma anche altri borghi meno conosciuti ma molto belli, come Gualdo, il suo duomo Romanico-Gotico è una vera perla architettonica (almeno a mio parere)

Abbiamo visitato Fano…un piccolo centro marittimo molto carino, siamo riusciti a fare anche una bella passeggiata sulla spiaggia…è stato bello rivedere il mare, sentire il suo profumo dopo lunghi mesi..

Sono ritornata da questo viaggio rigenerata…rilassata…

10168207_10203820026368040_27532663183766384_n

Published in: on 24 aprile 2014 at 08:43  Lascia un commento  

Incontro

Dopo quasi tre mesi ho rivisto una delle persone più importanti della mia vita..è stato così difficile andarmene…non ho voluto farmi accompagnare a casa da lui..solo perché sentivo la necessità di camminare..di stare un po’ da sola…E’ bastato un abbraccio…per far sì che il suo profumo mi rimanesse appiccicato addosso..avrei voluto che quel profumo rimanesse per sempre..ma la prima cosa che ho fatto una volta arrivata a casa è stato farmi un lungo bagno caldo..era troppo doloro sentire il suo profumo..ed essere lontano…Mi sono addormentata..pensando d’essere fra le sue braccia…Più il tempo passa..più mi convinco che il destino è ingiusto..se due persone non sono destinate a stare insieme..non dovrebbero neppure incontrarsi…non dovrebbero esistere amori non corrisposti…

amore-non-corrisposto1

Published in: on 16 aprile 2014 at 12:03  Lascia un commento  

Un sabato a Milano

Sabato ho riscoperto Milano..spesso facciamo km e km per visitare musei..opere d’arte e poi ci dimentichiamo delle città a noi più vicine..Grazie al salone del mobile, per alcuni giorni alcuni musei erano gratuiti..e così né ho approfittato per visitarne alcune…

La prima tappa è stato il Castello Sforzesco, girovagando per il parco mi sono ricordata una domenica pomeriggio invernale di molti anni fa..allora pensavo che il sentimento che mi legavano
alla persona che mi aveva portato lì…era amore…..col tempo ho capito che era solo l’idea dell’amore…della condivisione…che mi faceva battere il cuore così forte…Da quella domenica non ci ero più tornata al Castello Sforzesco…sabato invece mi sono ripromessa che ci andrò più
spesso…è veramente molto bello…

La chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore è veramente molto carina..il coro è meraviglioso…gli affreschi sono delle piccole opere d’arte…molto interessante anche il Museo Archeologo…

Invece sono rimasta un po’ delusa dal museo del Novecento..sicuramente perché non capisco l’arte di quel periodo..preferisco quella rinascimentale…Cmq sono stata molto felice di averlo visitato..finalmente sono riuscita a vedere il “Quinto stato” che mi ha sempre molto incuriosito, affascinato…poi si può ammirare una vista stupenda della piazza del Duomo…

Ed infine consiglio d’andare a fare una passeggiata al Parco del Sempione e di fare una tappa all’Acquario Civico..che nonostante non sia molto grande..è molto carino da visitare..soprattutto per i più piccoli..

10003898_10203753413462759_8571177207324776232_n

 

Published in: on 14 aprile 2014 at 09:28  Lascia un commento  

L’amore in un giorno di pioggia

www.inmondadori.it

Titolo:L’amore in un giorno di pioggia

Autore: Cooper Gwen

Editore:Sperling & Kupfer

Data uscita: Settembre 2013

Pagine: 352

Voto: 6 ½

 Consiglio questo romanzo a tutti gli amanti dei gatti..La protagonista è una simpatica gattina di nome Prudence, che vi conquisterà sin dalle prime pagine..

I nostri gatti..i nostri cani riescono sempre a strapparci un sorriso..allietano le nostre giornate…e giusto che ogni tanto qualcuno li faccia diventare protagonisti

FG-gatti_1038

Un giorno, in un cantiere deserto di Manhattan, Sarah trova una gattina abbandonata. Da quel momento, Prudence, chiamata così in onore della canzone dei Beatles, diventa la sua compagna di vita. Quando Sarah muore improvvisamente, la figlia Laura esaudisce le ultime volontà della madre dalla quale si era bruscamente allontanata anni prima e porta Prudence a vivere con sé e il marito. Ed è proprio grazie alla micina che Laura, giorno dopo giorno, conoscerà il significato dell’amore vero e riuscirà anche a perdonare a se stessa e alla madre gli errori del passato. Perché il passato per quanto doloroso, non si può cancellare, esiste per sempre, come l’amore di una mamma.

(Dal web)

Published in: on 11 aprile 2014 at 12:01  Lascia un commento  

Lea

I cani non sono solo i nostri migliori amici..diventano parte della famiglia..e quando uno di loro viene a mancare si forma un vuoto incolmabile..

Lea è stata con noi 12 anni…vedere mio padre che tentava in ogni modo di rianimarla..senza riuscirci è stato veramente straziante..Vederlo camminare per il giardino stringendo a se il corpo senza vita del suo amato cane è stato dolorassimo..

 Se esiste un paradiso dei cani..sono sicur che Lea guarderà giù e troverà il modo per far sentire la sua presenza a mio padre…

Lea ti abbia voluto tanto bene…ci mancherai tantissimo..

216192_2001667688282_3357679_n

Published in: on 7 aprile 2014 at 13:37  Lascia un commento  

Il buio fuori

cover

Titolo : Il buio fuori

Autore : McCarthy Cormac

Traduttore: Montanari R.

Anno di pubblicazione: 1997

Pagine: 208

Editore : Einaudi (collana Supercoralli)

Voto: 6 +

Molto belle le descrizioni passatistiche e dei vari personaggi che si susseguono nel racconto.

divisori134

Culla e Rinthy, due fratelli che vivono all’inizio di questo secolo nel Sud degli Stati Uniti, sono amanti e hanno un bambino che, appena nato, viene abbandonato da Culla nei boschi. Rinthy parte alla ricerca del piccolo, che nel frattempo è stato raccolto da un calderaio ambulante e affidato a una balia. Nel frattempo anche Culla parte alla ricerca della sorella. Ha così inizio un vagabondaggio parallelo nella poverissima regione dei monti Appalachi dove ogni incontro rappresenta un pericolo, ogni viandante un potenziale assassino. Ma i due fratelli affrontano la strada con una sorte di testardo candore, con un’innocenza disperata che li porta fino in fondo al loro terribile destino.

 

(Dal web)

Published in: on 4 aprile 2014 at 10:31  Lascia un commento  

Vorre….

Sono bastate poche righe per fare cadere le barriere che avevo eretto in questi mesi…per farmi sprofondare nuovamente nella tristezza..non riesco proprio a lasciarmi il passato alle spalle..

 Vorrei tanto che questa persona non avesse così tanto potere su di me..vorrei svegliarmi domani mattina e scoprire che i miei sentimenti per lui sono svaniti…

 Vorrei che l’amore fosse sostituito dall’amicizia..vorrei non sentire così tanto la sua mancanza…

 Vorrei che qualcuno inventasse una pozione per l’amore non corrisposto…


10172732_1422095401375181_1021194348_n

Published in: on 3 aprile 2014 at 12:45  Lascia un commento