La strada delle anime perse

Titolo: La strada delle anime perse

Autore:   O’Connell Carol

Editore :Piemme

Anno pubblicazione : 2010

Numero pagine : 461

Voto: 6

La donna è accasciata sul pavimento; il volto di cera, intonso, e gli occhi chiusi danno l’impressione che dorma, di un sonno triste però, senza speranze né desideri. Solo il busto, coperto di sangue e attraversato da una profonda ferita da arma da fuoco, la rende differente dai tanti corpi stanchi che trovano riposo nella notte. Accanto a lei un biglietto con scritto «l’amore mi fa morire». Per il sergente Riker, agente della polizia di New York, il caso potrebbe essere archiviato subito come l’ennesimo suicidio, ma la vittima, Savannah Sirus, è morta nell’appartamento di Kathy Mallory, sua collega al dipartimento, di cui non si hanno notizie da giorni. Nell’appartamento non ci sono tracce di Mallory, ma pare che Savannah abbia vissuto con lei per qualche tempo. Così Riker decide di cercarla, non può che credere alla sua innocenza, ma conosce Mallory e sa che rispettare le regole non è mai stato il suo forte, e questa volta potrebbe costarle la carriera o forse qualcosa di più. A qualche centinaia di chilometri, a Chicago, Kathy si sta occupando di un’indagine personale, seguendo l’ombra di uno spietato serial killer. L’uomo che sta cercando è crudele e ripetitivo, le sue vittime sono bambini, i cui piccoli corpi vengono privati della mano destra e sepolti accuratamente sul ciglio di una strada, sempre la stessa, per tutti: la Route 66, che attraversa il paese e su cui il serial killer, da oltre vent’anni, ha deciso di spargere un’infinita scia di sangue. Per fermare la sua caccia, Mallory sarà costretta a fare i conti con un passato mai veramente dimenticato e a seppellire quei morti che hanno tormentato i suoi incubi fino a quando Savannah non ha bussato alla sua porta.

Annunci
Published in: on 18 settembre 2012 at 09:34  Lascia un commento  

Il bacio dell’ombra

Titolo: Il bacio dell’ombra

Autore: Richelle Mead 

Rilegato: 545 pagine

Data di pubblicazione: Marzo 2011

Voto: 6–Il bacio dell’ombra, di Richelle Mead, è il terzo libro della popolare serie urban fantasy YA Vampire Academy/L’Accademia dei Vampiri e il seguito di Morsi di ghiaccio.

La serie, particolarmente apprezzata dal pubblico internazionale – adolescente e non -, si avvale di una mitologia basata su quella dell’Europa Orientale. Moroi e Strigoi, le due tipologie di vampiri utilizzate dalla Mead, vengono, infatti, dalla Romania; il dhampir, l’ibrido umano/vampiro (frequentemente usato anche da altri autori, in letteratura, al cinema, in tv e nei fumetti), arriva, invece, dai paesi balcanici.

Pur con i dovuti “aggiustamenti” – rispetto al folclore dell’Est europeo – necessari allo sviluppo della storia e delle relazioni tra i personaggi del romanzo, possiamo dire, sinteticamente, che i Moroi (i buoni) sono vampiri vivi e mortali, si nutrono di donatori consenzienti, non uccidono, possono sopportare, con moderazione, i raggi solari, sono suddivisi in Moroi reali e “comuni” e hanno una struttura d’impostazione tradizionalista, divisa in caste. Gli Strigoi (i cattivi), sono vampiri morti, immortali, notturni, sanguinari e crudeli, sempre a caccia di sangue Moroi. Per proteggere questi ultimi vengono impiegati i dhampir, figli nati da relazioni tra Moroi stessi e umani che, da subito, vengono addestrati per diventare Guardiani. La prima parte della vita dei vampiri buoni e dei dhampir è “normale”, entrambi, infatti, vanno a scuola e, al di là dell’addestramento e della pratica delle discipline e delle attività dedicate/richieste dai rispettivi ruoli, studiano insieme in collegi disseminati in tutto il mondo (le Accademie).

Le storie – principali e secondarie – si sviluppano in questo interessante contesto e ruotano attorno alla protagonista, Rose, una dhampir diciassettenne, alla sua amica coetanea Moroi reale, Lissa, e ai loro spasimanti, tra cui l’addestratore russo, adulto, vaccinato e dhampir, Dimitri BelikovL’ultimo anno all’Accademia dei Vampiri non è facile per Rose. Dopo aver combattuto contro i terribili Strigoi e aver visto morire il suo amico Mason non è più la stessa. Ha strane visioni, oscure premonizioni. Ma non vuole parlarne con Lissa, la sua migliore amica, e non può confidarsi neppure con Dimitri, l’allenatore che ama in segreto. Quando infine il cerchio del male si stringe attorno all’Accademia, Rose si trova a dover scegliere tra proteggere l’amica e salvare il suo amore…

Published in: on 16 settembre 2012 at 15:02  Lascia un commento  

Cinquanta sfumature di rosso

Titolo: Cinquanta sfumature di Rosso

Titolo Originale: Fifty Shades Freed

Autore: E.L. James

Editore: Mondatori

Data di uscita in Italia: 13 luglio 2012

Pagine: 624

Voto: 6+

Con questo romanzo si conclude la trilogia di “Cinquanta sfumature” che mi ha tenuto compagnia per tutta l’estate. Ho preferito il secondo romanzo, questo ultimo mi è sembrato un po’ scontato, anche se non sono mancati i colpi di scena. Ho apprezzato molto l’appendice del romanzo, dove si ritorna indietro nel tempo, quando il protagonista era piccolo.

Quella che per Anastasia Steele e Christian Grey era iniziata solo come una passione erotica travolgente è destinata in breve tempo a cambiare le loro vite. Ana ha sempre saputo che amarlo non sarebbe stato facile e stare insieme li sottopone a sfide che nessuno dei due aveva previsto. Lei deve imparare a condividere lo stile di vita di Grey senza sacrificare la sua integrità e indipendenza, lui deve superare la sua ossessione per il controllo lasciandosi alle spalle i tormenti che continuano a perseguitarlo.

Le cose tra di loro evolvono rapidamente: Ana diventa sempre più sicura di sé e Christian inizia lentamente ad affidarsi a lei, fino a non poterne più fare a meno. In un crescendo di erotismo, passione e sentimento, tutto sembra davvero andare per il meglio. Ma i conti con il passato non sono ancora chiusi.

Ecco alcune recensioni che ho trovato sul web:

Si tratta della storia di Cenerentola adattata ad un genere che in qualche modo rispecchia gli anni 2010 – 2011 in cui sono stati scritti i tre libri che in realtà sono un unico romanzo. L’abilità della scrittrice sta nell’inventare continuamente colpi di scena tipici di un romanzo giallo e nel condire il tutto con romanticherie degne dei romanzi della Delly. Tutto questo supera di gran lunga l’interesse che il lettore può provare per le parti così dette “porno” dei romanzi ed in qualche modo giustifica il loro successo.

Trovo molto originali le ultime pagine sui pensieri di Christian. Spero proprio che il “per ora” alla fine lascerà spazio per un ulteriore capitolo!

Dei tre libri della trilogia non è il più coinvolgente ma nel complesso bello, soprattutto il finale. Non sopporto chi spara a zero su questa trilogia, penso che non l’abbiano nemmeno letta fino in fondo. Non è solo sesso e sottomissione ma, soprattutto in questo libro, emergono i sentimenti dei protagonisti e ci si riesce a liberare dal passato. Bel libro, leggero ma non per questo scandaloso o altro. 

Published in: on 12 settembre 2012 at 13:16  Comments (1)  

Cinquanta sfumature di nero

Titolo: Cinquanta sfumature di nero

Autore: E. L. James

Traduttore: Zucca S.

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Data di Pubblicazione: Dicembre 2012

Pagine: 594

Voto: 7-

 Se il primo capitolo della saga (Cinquanta sfumature di grigio) mi aveva incuriosito, il secondo romanzo mi ha affascinato..ho imparato a conoscere e comprendere i personaggi (ma soprattutto ad amarli)..La narrazione è molto più articolata..più scorrevole..

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l’irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei…

Ecco alcune recensioni che ho trovato sul web:

Questo l’ho letto più velocemente dell’altro,ancora più bello perchè siamo entrati nel vivo di questa magnifica storia,la trama sarà anche banale ma io ho riso e pianto con loro….e forse è questo quello che cerco in un libro,un libro che mi allontani dallo schifo che abbiamo intorno per volare sempre più in alto

Questo l’ho letto più velocemente dell’altro,ancora più bello perchè siamo entrati nel vivo di questa magnifica storia,la trama sarà anche banale ma io ho riso e pianto con loro….e forse è questo quello che cerco in un libro,un libro che mi allontani dallo schifo che abbiamo intorno per volare sempre più in alto

Vi aspettate Ana ancora nei panni di un moderno Icaro, che volando troppo vicino al sole finirà per scottarsi? Ana cercava l’amore, ma oltre a quello ha trovato anche tante altre cose: tante sfumature di tenebra. Vi stupirà. Ana è un personaggio unico e ricco di sfaccettature. Imprevedibile ed in grado di far perdere il controllo ad un “maniaco del controllo” quale è Mr Gray. Scoprirete un nuovo Christian: a poco a poco si libererà del fardello del suo passato e noi non potremo far altro che condividere le paure di Ana. I giochi si fanno più intriganti e intricati quando anche altre persone prendono parte alla narrazione: Jack, il capo redattore di Ana, Leila, una ex sottomessa di Christian e la famosa e più presente che mai Mrs Robinson. Ironia, battute sagaci, immancabili scene erotiche in grado di far arrossire chiunque, rivelazioni e proposte, grossi colpi di scena e soprattutto un finale con i fiocchi che vi lascerà con il fiato sospeso in attesa di leggere l’attesissimo capitolo conclusivo… Assolutamente un romanzo che consiglio a tutte. A chi non è rimasto troppo convinto dal precedente “Cinquanta sfumature di grigio” dico solo: fidatevi! Lasciatevi trasportare dalle parole della James. Con “Cinquanta sfumature di nero” non avrete più dubbi e ne vorrete ancora e presto.

Published in: on 30 agosto 2012 at 21:02  Lascia un commento  

Cinquanta sfumature di grigio

Titolo: Cinquanta sfumature di grigio

Autore: James E.L.

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 548

Traduttore: Albamese T.

Editore: Mondadori

Voto: 6½

Ho iniziato a leggerlo per caso..e la storia mi ha subito affascinato..non sarà un capolavoro letterario..ma tiene il lettore col fiato sospeso..è la lettura ideale per svagarsi..per rilassarsi sotto l’ombrellone..La scrittrice è stata bravissima ad accendere curiosità del lettore..appena ho finito di leggere l’ultima pagina non vedevo l’ora d’iniziare il secondo libro della trilogia.

 

 

Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua studentessa americana di ventun’ anni incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si accorge di essere attratta irresistibilmente da quest’uomo bellissimo e misterioso. Convinta però che il loro incontro non avrà mai un futuro, prova in tutti i modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Grey non compare improvvisamente nel negozio dove lei lavora e la invita a uscire con lui. Anastasia capisce di volere quest’uomo a tutti i costi. Anche lui è incapace di resisterle e deve ammettere con se stesso di desiderarla, ma alle sue condizioni. Travolta dalla passione, presto Anastasia scoprirà che Grey è un uomo tormentato dai suoi demoni e consumato dall’ossessivo bisogno di controllo, ma soprattutto ha gusti erotici decisamente singolari e predilige pratiche sessuali insospettabili… Nello scoprire l’animo enigmatico di Grey, Ana conoscerà per la prima volta i suoi più segreti desideri. Tensione erotica travolgente, sensazioni forti, ma anche amore romantico, sono gli ingredienti che E. L. James ha saputo amalgamare osando scoprire il lato oscuro della passione, senza porsi alcun tabù.

 

Ecco alcune recensioni che ho trovato sul web:

 

Ma perché tutte queste critiche negative? Voglio dire, che cosa vi aspettavate? E’ chiaro fin da subito che ci si trova di fronte una lettura super leggera e poco impegnativa…il pregio di questa trilogia non sta né nell’originalità né nella particolarità dell’intreccio, ma nella capacità, a mio parere altissima, di catturare il lettore. I dialoghi, le situazioni, le continue tensioni verbali ed erotiche tra i due protagonisti ti lasciano nell’impossibilità di mollare il libro, perlomeno fino alla fine del capitolo…le scene di sesso sono, a mio parere, tutte contestualizzate (va da se che chi le dovesse trovare fastidiose, non dovrebbe avvicinarsi a questo tipo di letture) e finalizzate alla comprensione dei personaggi, sopratutto quello di Christian…a me ha fatto (se pur in un contesto differente) una sorta di effetto Twilight saga (a cui rimanda spesso anche se implicitamente)…quando un libro mi rende difficile lasciarlo, anche se per poco, io lo ringrazio comunque, a prescindere dalla trama, dai contenuti o dalla cosi detta profondità.

Mi piace la storia tormentata di Ana e Christian, non è solo sesso come può sembrare. ci sono le ombre di un uomo che nasconde le sue fragilità dietro l’ostentazione della ricchezza , e la sensibilità di una ragazza che riesce a vedere queste ombre, e cerca di mandarle via. Certo la stesura del racconto a tratti sembra ripetitiva si sprecano espressioni indecifrabili ed aggrotti, per non parlare della DEA INTERIORE di Ana, che è a tutti gli effetti una coprotagonista della storia e che secondo me vive assopita in molte di noi. Chi critica il romanzo e storce il naso in realtà, vorrebbe almeno una volta vivere una passione cosi forte e primitiva, nascosta dentro di noi per compiacere a questa società che va di fretta e soffoca i sentimenti.

Published in: on 28 agosto 2012 at 14:25  Lascia un commento  

Un posto nel mondo

Titolo: Un posto nel mondo

Autore: Volo Fabio

Anno di pubblicazione: 2006

Pagine: 246

Editore: Mondadori (collana Arcobaleno)

Voto: 5

Questo romanzo mi ha deluso..troppe frasi retoriche..troppe banalità

Un posto nel mondo” è il terzo romanzo scritto dal conduttore, scrittore e attore Fabio Volo.  

I protagonisti del romanzo sono due amici, Michele e Federico, che condividono tutto, da una vita intera. Ma, durante una delle loro serate a base di birra e “cavolate”, Federico si apre, come non aveva mai fatto prima, con il suo amico: sembra un fiume in piena, le sue parole sembrano diverse alle orecchie di Michele.

Federico ha deciso di intraprendere un viaggio, da solo,senza meta e senza soldi, per cercare di trovare un senso alla sua vita.

Finirà  a Capo Verde, luogo in cui ritroverà se stesso. Dopo ben 5 anni ritorna in Italia e Michele non riconosce più il suo amico: è diverso, dice parole lontane dalla sua mente. Il loro legame, comunque, è forte e rivivranno insieme alcuni momenti di spensieratezza. Ma Federico riparte: questa volta per un viaggio senza ritorno.

Michele però ora si ritrova e riesce a capire le parole dette dall’amico: anche lui partirà per il suo viaggio, troverà il suo posto nel mondo, troverà posto nel cuore di una donna e ritroverà l’amico negli occhi di una bambina.

Published in: on 14 agosto 2012 at 13:05  Lascia un commento  

L’ ospite

Titolo:  L’ ospite

Titolo originale: The Safe House

Anno di pubblicazione: 1998

Autore: French Nicci

Pagine : 374

Traduttore: Sepa M.

Editore: Rizzoli 

Genere: Thriller

Voto:  6++

Il libro parte con due omicidi, ma ci vuole un pochino prima di entrare nel vivo della storia ed è a quel punto che viene fuori la bravura di Nicci French. La parte centrale è molto solida e con ottimi spunti, crea interesse e curiosità, fino al finale mediocre,inutile e molliccio. Un thriller dovrebbe avere nel finale la sua parte più esplosiva, con tensione e suspense, ma in realtà, si affievolisce mano a mano e la conclusione lascia moltissimi dubbi e problemi irrisolti,senza una vera fine.

 

Sulla copertina del libro campeggia il nome dell’autore, Nicci French, ma contrariamente a quel che sembra, non è stato scritto da una sola persona, bensì da due!
Nicci French è lo pseudonimo di due coniugi londinesi, Nicci Gerrard e French Sean, entrambi giornalisti e autori di svariati libri di successo, tra cui Dolce e crudele, Sotto la pelle, La terza porta, Una Stanza nel buio, Memory.

La storia è collocata in Inghilterra, in una zona della costa dell’Essex, dove la dottoressa Samantha Laschen si è trasferita da poco insieme a sua figlia, la piccola Elsie. Samantha è una brava psicologa e ha investito tanto in questa nuova avventura di vita, in un posto che è certamente molto diverso dalla caotica, moderna e comoda Londra. La sua nuova casa dista parecchi chilometri dal centro abitato, ha un giardino incolto e un aspetto poco curato, ma per lei va bene anche così.
Dopo le prime comprensibili titubanze, ha deciso che può essere il posto giusto per portare avanti i suoi progetti lavorativi e personali. Tra questi, il più immediato, impegnativo ma gratificante, è scrivere un libro sul trauma, sul recupero dei pazienti che si sono trovati a vivere una simile esperienza sconvolgente.
In seguito avrà sempre la possibilità di trovare occupazione presso un importante ospedale della zona e magari coltivare ancor di più la relazione col suo nuovo compagno Danny, che per il momento non vive con lei, ma sembra intenzionato a prendere molto sul serio la loro relazione. Le cose invece, cominciano da subito a dirottare verso una realtà diversa, imprevista. A scombussolare la sua ovattata quotidianità arriva la proposta di alcuni agenti di polizia che la esortano, quasi senza possibilità di scelta, a ospitare la giovane e ricca Fiona Mackenzie, sottoposta a regime di protezione dopo essere scampata per un pelo all’assalto di alcuni balordi ancora ignoti, che facendo irruzione nella sua villa a notte fonda, hanno purtroppo barbaramente ucciso i genitori. Ce la mette tutta Samantha, per cercare di far trovare a suo agio la nuova ospite. E’ l’inizio di giornate tranquille e spensierate, come non avrebbe mai sperato, ma ben presto, come un tarlo, strane situazioni e lo spettro di malcelati sotterfugi, cominciano a minare sempre più la sua sicurezza affettiva e professionale. Forse la realtà non è quella che sembra?

Published in: on 27 luglio 2012 at 09:11  Comments (1)  

La sognatrice bugiarda

Titolo: La sognatrice bugiarda

Titolo originale: What Happened to Rose?

Autore:Bernstein Harry

 Editore: Piemme

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 210

Traduttore: F.Merani

Voto:

 

 Un velo di tristezza accompagna tutta la storia..ed è proprio questa che rende il romanzo molto piacevole..

 

Rose è cresciuta in una famiglia povera di Stockport, in Inghilterra, soffrendo i morsi della fame e le violenze di un padre alcolizzato; l’unica via di fuga dalla misera realtà è l’immaginazione: un giorno naviga sul panfilo del principe del Galles, un altro è la figlia di un ricco allevatore di purosangue, un altro ancora è una studentessa di un’esclusiva scuola parigina.
Inizialmente, il lettore resta sospeso tra fantasia e realtà senza riuscire a distinguerle, successivamente, i confini vengono tracciati con più precisione e risulta chiaro che Rose reciti all’incirca lo stesso copione davanti alle persone che non conosce: si immedesima in parti diverse, ma la caratteristica essenziale dei suoi personaggi è l’ostentazione di una ricchezza immaginaria, possedimenti e lussi; esagera le menzogne a tal punto da suscitare l’incredulità degli interlocutori.

La sognatrice bugiarda, pubblicato dopo la morte di Bernstein, è stato scritto frettolosamente negli ultimi anni di vita dell’autore ed è probabilmente il romanzo meno riuscito: la trama ruota quasi esclusivamente intorno alle fantasie e agli avvenimenti salienti della vita di Rose, dall’infanzia fino alla morte a causa di un tumore.
È proprio l’autore a spiegare nella prefazione de La sognatrice bugiarda che lo scopo principale di questo libro è rispondere ai lettori che chiedevano che fine avesse fatto Rose, personaggio minore dei suoi precedenti romanzi.

Published in: on 19 luglio 2012 at 14:39  Lascia un commento  

Notti senza sonno

Autore: Jeffery Deaver

Titolo: Notti senza sonno

Editore: Rizzoli

Pagine: 480

Anno prima edizione: 2010

Voto: 6–

 La qualità dei racconti è discontinua, alcuni arrivano ad un 6 ½, altri neppure ad un 5 stiracchiato. Leggendo i nomi degli autori mi aspettavo molto di meglio.

Notti senza sonno il titolo scelto per l’edizione italiana della raccolta 2009 The Best American Mystery Stories, la serie a cura di Otto Penzler con i migliori racconti dell’anno, selezionati in questa occasione da Jeffery Deaver. Tra gli autori presenti, Micheal Connelly, James Lee Burke, Alice Munro, Joyce Carol Oates, per citare qualcuno tra i più noti.

 

Harry Bosch, il detective creato da Michael Connelly, riscopre la paternità mentre indaga sulla morte di un bambino. Attraverso gli occhi di un vecchio carcerato, James Lee Burke dipinge un Sud degli Stati Uniti lussureggiante e disperato. Una vedova si ritrova sola in casa con un pazzo omicida nel racconto di Alice Munro, mentre Joyce Carol Oates scrive di una madre angosciata che lascia una lettera al marito rivelandogli una sconvolgente verità.

Published in: on 13 luglio 2012 at 12:44  Comments (1)  

Dimmi chi sono

Titolo : Dimmi chi sono

Autore:  Navarro Julia

Editore: Mondadori

Anno: 2011

Pagine: 936

Traduzione:  Elena Rolla

Voto: 8 +

E’ un romanzo veramente bello, sono stata conquistata dai personaggi di questa storia. Ho avuto la sensazione di vivere ogni avvenimenti insieme alla protagonista.di provare le sue stesse emozioni..E’ uno dei più bei libri che abbia letto.

Quando Guillermo, un giovane giornalista di Madrid, riceve da una ricca zia l’incarico di indagare sulla vita della bisnonna Amelia Garayoa della quale non si sa più nulla da molti anni, non immagina quanto straordinaria sia l’esistenza di questa donna misteriosa e affascinante. Per riscattarla dall’oblio in cui è caduta, Guillermo ricostruisce la sua storia pezzo per pezzo, come un immenso e straordinario puzzle.
Amelia, nata nel 1917 da un’ottima famiglia madrilena, dopo essersi infatuata di un rivoluzionario franco-spagnolo alla vigilia della Guerra civile, non esita ad abbandonare marito e figlio – il padre di Guillermo – facendo perdere le sue tracce e diventando un tabù per l’intera famiglia. Come ben presto Guillermo scoprirà, questo è solo l’inizio di un percorso estremamente avventuroso che la porterà in tutto il mondo: da Madrid a Barcellona, da Parigi a Mosca, attraverso Berlino, Londra, Varsavia, Buenos Aires e il Messico. Borghese e rivoluzionaria, sposa e amante, spia e assassina, Amelia è una donna fuori dal comune, un’antieroina per eccellenza, che attraversa da protagonista alcuni tra i maggiori eventi del Novecento, come la Seconda guerra mondiale, la Guerra fredda, la caduta del Muro di Berlino.
Sempre al fianco degli uomini della sua vita e sempre fedele ai suoi principi, Amelia non smetterà di pagare in prima persona per le proprie contraddizioni e i propri errori. Ben costruito, dal tono vibrante e appassionato, Dimmi chi sono è un romanzo di spionaggio e intrigo allo stato puro, di amori tragici, avventura e storia, l’opera più ambiziosa e personale di Julia Navarro, che regala al lettore pagine emozionanti e coinvolgenti.

Ecco alcune recensioni che ho trovato in rete:

  • Dimmi chi sono, è un’avventura che tiene con il fiato sospeso chi lo legge, riesce ad immaginare le scene, e, soprattutto mette in risalto una donna, eroina direi, del mondo, all’apparenza fragile e scanzonata, ma in realtà determitata e fredda nei momenti più difficili.
    Ho letto questo libro, assaporando dettagli storici dei quali non ne avevo più ricordo.
  • Libro emozionante, bellissimo… per me il più bello che abbia scritto la Navarro. E’ un libro che si legge tutto d’un fiato nonostante le sue 900 pagine. Non c’è un momento di stanchezza nella narrazione ma è una continua sorpresa. Non posso che consigliarlo. Io l’ho trovato meraviglioso.
  • Bellissimo, intenso e toccante. Una storia su una grande donna del XX secolo raccontata con maestria e semplicità. Nonostante la mole, le pagine scorrono via in fretta e alla fine dispiace doversi staccare da questa storia così avvincente.
Published in: on 5 luglio 2012 at 12:23  Lascia un commento