L’anno dei dodici inverni

Romanzo28

Autore: Tullio Avoledo

Anno edizione: 2009

Pagine: 377

Voto: 6 ½

Bel racconto…alcune pagine mi hanno commosso…fatto riflettere…come questa frase

“Ci sono ricordi che ti restano impressi come la cicatrice lasciata da un sasso, o da un chiodo. Altri che si depongono nel tuo cuore con lentezza, sguardo dopo sguardo, parola dopo parola”

Gennaio 1982, un vecchio bussa alla porta di casa della famiglia Grandi incantandola con una storia che lo legherà indissolubilmente a loro: sta facendo uno studio sui bambini nati il giorno di Natale nella regione e vuole incontrarli una volta l’anno per seguirne la crescita. Chi è quell’uomo? E, soprattutto, come fa a sapere tante cose sul futuro? In quello stesso 1982 un ragazzo brillante e confuso intraprende la sua strada nel mondo, una strada che presto diverrà un vicolo cieco. Riuscirà a sottrarsi al suo destino? Nel 1997, due donne – la vedova Grandi e sua figlia Chiara, ormai adolescente sono in vacanza in Versilia, ma un incontro imprevisto cambierà per sempre le loro vite. In un prossimo futuro, in una Londra resa irriconoscibile da una guerra, un anziano poeta chiede udienza alla Chiesa della Divina Bomba. Dice di avere una proposta e una richiesta: vuole stringere un patto che può far rivivere, anche se in modo diverso, l’antico mito di Orfeo ed Euridice. Comincia cosi un viaggio incredibile che chiarirà ogni cosa, e dopo il quale niente sarà più lo stesso

(Dal web)

Annunci
Published in: on 6 settembre 2017 at 08:46  Lascia un commento  

La conseguenza dell’amore

Romanzo27

Autore: Addonia Sulaimam

Pagine: 373

Anno di pubblicazione: 2009

Voto: 6 ++

Storia carina, scritta bene, ma mi aspettavo qualcosa di più. Il finale non mi ha convinto, mi è sembrato incompleto.

Nella luce accecante del sole estivo, le strade di Jeddah sembrano un vecchio film in bianco e nero: le donne, completamente velate, sono ombre scure che vanno e vengono dalle loro case, mentre gli uomini indossano tuniche di cotone chiaro. Per il giovane Naser, costretto a trasferirsi dalla natia Africa in Arabia Saudita per cercare lavoro, non è stato facile. Il caldo è insopportabile, gli amici sono partiti, è rimasto solo nell’autolavaggio in cui lavora. Nelle pause, cerca l’ombra sotto la sua palma preferita, scrivendo lettere alla madre lontana e sognando una bella quanto irraggiungibile attrice egiziana. È dura per lui accettare una società che pone tanti ostacoli tra gli uomini e le donne, sempre sotto gli occhi della polizia religiosa che controlla ogni movimento sospetto. Un giorno una donna velata getta ai suoi piedi un biglietto con una dichiarazione d’amore e promette di ritornare indossando delle scarpette rosa acceso, in modo che lui possa riconoscerla fra tutte le altre donne. Di messaggio in messaggio, clandestinamente, nasce tra Naser e Fiore un sentimento accompagnato da una tensione erotica sempre più difficile da tenere a freno. Finché in un momento di leggerezza i due amanti si lasciano condurre in un pericoloso vicolo cieco di desiderio. Infatti, in Arabia Saudita le relazioni tra uomini e donne non sposati sono proibite, talvolta perfino punite con la morte e il loro amore, profondissimo ma illecito, dovrà ben presto affrontare la prova più dura di tutte…

(Dal web)

Published in: on 6 settembre 2017 at 08:43  Lascia un commento