La gang dei sogni

16

Titolo: La gang dei sogni

Autore: Di Fulvio Luca

Anno di pubblicazione: 2008

Pagine: 571

Voto: 7 ½

 Sono stata colpita dal titolo, dalla copertina, che fa pensare ad un passato avventuroso, ad un mondo ormai scomparso. Ho letto questa storia tutto d’un fiato, sono stata risucchiata dalla storia di Christmas.

0268aeee

Ellis Island, 1909: da uno dei tanti transatlantici in arrivo sbarcano una giovane donna e il suo bambino. Provengono dall’Italia, dall’Aspromonte più arcaico e violento. I loro nomi sono Cetta e Natale: ma il bimbo viene subito chiamato, dagli addetti dell’Immigrazione americana, “Christmas”. Natale-Christmas: nella trasformazione di questo nome è racchiuso tutto il sogno della giovane, indomita Cetta, che affronta con coraggio le difficoltà della vita nel ghetto italiano del Lower East Side di New York con un solo desiderio: che il suo bambino diventi un vero americano, libero di essere felice ma ancor prima libero di essere se stesso. Essere “americani” nei sobborghi di New York ai primi del Novecento, però, significa anche confrontarsi con una società di immigrati provenienti da ogni dove, nella quale a dettare legge sono i gangster. Per Christmas, diventare uomo significa affrontare una realtà in cui non conta tanto la rettitudine quanto la spregiudicatezza e la forza. Una realtà nella quale, se si vuole sopravvivere, le regole non possono essere cambiate. A meno che… non si abbia un dono speciale. E Christmas può contare sulla sua fantasia vivissima, e sulla capacità di renderla concreta attraverso storie che fanno sognare chiunque lo ascolti. È così che nasce la gang immaginaria dei Diamond Dogs, composta solo da due ragazzini ma capace di diventare padrona di New York, addirittura di arrivare in tutte le case attraverso la prima radio indipendente.

(Dal web)

 

Published in: on 26 settembre 2016 at 09:12  Lascia un commento  

Tempesta di neve e profumo di mandorle

15

 

Titolo: Tempesta di neve e profumo di mandorle

Autore: Läckberg Camilla

Traduttore: Albertari A.; De Marco K.; Scali A.

Anno di pubblicazione: 2015

Pagine: 159

Voto: 6 ++

Bel giallo, finale per nulla scontato…

divisori27

Manca poco meno di una settimana a Natale. Adagiata contro le rocce grigie, con le sue casette di legno ammantate di neve, Fjallbacka regala uno spettacolo particolarmente suggestivo, un paesino fiabesco affacciato sul mare di ghiaccio. Martin Molin, collega di Patrik Hedstrom alla stazione di polizia di Tanumshede, ha raggiunto la fidanzata Lisette sulla vicina isola di Valo per una festa di famiglia. Mentre il vento infuria, durante la cena il vecchio patriarca dall’immensa fortuna muore improvvisamente. Nell’aria si avverte un vago aroma di mandorle amare, e a Martin Molin non resta che cercare di far luce su quella morte misteriosa. Intanto, la violenta tempesta che agita le acque gelide dell’arcipelago non accenna a placarsi, e ogni contatto con la terraferma è interrotto. Sulle orme di Agatha Christie, in occasione dei suoi primi dieci anni di carriera, Camilla Läckberg ha dato vita a una serie di racconti che, tema a lei caro, indagano le complesse dinamiche familiari, combinando scene d’intimità domestica all’inquietudine di oscuri segreti del passati.

(Dal web)

 

Published in: on 26 settembre 2016 at 09:10  Lascia un commento  

Le belle Cece

14

Titolo: Le belle Cece

Autore: Vitali Andrea

Anno di pubblicazione: 2015

Pagine: 224

Voto: 6 –

 Leggo sempre molto volentieri i romanzi di Vitale, mi piace molto il suo modo di descrizione i paesaggi a me così tanto familiari, questo romanzo però non mi ha convinto.

divisore-nastrirosa120

Maggio 1936. Con la fine della guerra d’Etiopia nasce l’impero fascista. E Fulvio Semola, segretario bellanese del Partito, non ha intenzione di lasciarsi scappare l’occasione per celebrare degnamente l’evento. Astuto come una faina, ha avuto un’idea da fare invidia alle sezioni del lago intero, riva di qui e riva di là, e anche oltre: un concerto di campane che coinvolge tutti i campanili di chiese e chiesette del comune, dalla prepositurale alla cappelletta del cimitero fino all’ultima frazione su per la montagna. Un colpo da maestro per rendere sacra la vittoria militare. Ma l’euforia bellica e l’orgoglio imperiale si stemperano presto in questioni ben più urgenti per le sorti del suo mandato politico. In casa del potente e temutissimo ispettore di produzione del cotonificio locale, Eudilio Malversati, si sta consumando una tragedia. Dopo un’aggressione notturna ai danni dell’ispettore medesimo, spariscono in modo del tutto incomprensibile alcune paia di mutande della signora. Uno è già stato rinvenuto nella tasca della giacca del Malversati. Domanda: chi ce l’ha messo? E perché? Il problema vero, però, non è questo, bensì che fine abbiano fatto le altre. Dove potrebbero saltar fuori mettendo in ridicolo i Malversati, marito e moglie? Non essendo il caso di coinvolgere i carabinieri, per non mettere in giro voci incontrollabili, il Semola viene incaricato di risolvere l’enigma.

 (Dal web)

 

Published in: on 26 settembre 2016 at 09:04  Lascia un commento  

In punta di Cuore

13

Titolo: In punta di Cuore

Autore: Maria Venturi

Anno di pubblicazione: 2002

Pagine: 254

Voto: 6 ++

 Romanzo carino, una lettura molto piacevole.

divisore (14)

Lucia Surina, giovane, intelligente, bella, ha un passato oscuro. Sarà capace di sottrarsi al mondo della prostituzione, in cui era stata gettata quasi ancora bambina? Domenico si innamora profondamente di lei, la stima e l’ammira, ma non conosce i suoi anni bui; e quando scoprirà la sua vita di allora, dovrà fare una scelta difficile e dolorosa… Una storia tenera e toccante, ispirata da una ragazza che Maria Venturi ha incontrato realmente.

(Dal web)

Published in: on 26 settembre 2016 at 08:59  Lascia un commento  

Parigi è sempre una buona idea

12

Titolo: Parigi è sempre una buona idea

Autrice: Nicolas Barreau

Editore: Feltrinelli

Data uscita:03/09/2015

Pagine:272

Voto: 7 +

Parigi è una città che mi affascina molto, spesso immagino di camminare per le sue vie, di fermarmi in un bistrot a sorseggiare un bicchiere di vino. Ogni volta che vedo un romanzo ambientato in questa magica città, mi viene spontaneo sfogliarlo ed iniziarlo a leggerlo…così è stato con questo romanzo…che mi ha emozionato, mi ha fatto sorridere.

divisori_autunno_02

Talentuosa illustratrice, Rosalie è famosa per i biglietti d’auguri personalizzati che realizza a mano. Ed è un’accanita sostenitrice dei rituali: il café crème la mattina, una fetta di tarte au citron nelle giornate storte, un buon bicchiere di vino rosso dopo la chiusura della papeterie. I rituali aiutano a fare ordine nel caos della vita, ed è per questo che ogni anno, per il suo compleanno, Rosalie fa sempre la stessa cosa: sale i 704 gradini della Tour Eiffel fino al secondo piano e, con il cuore in gola, lancia in aria un biglietto su cui ha scritto un desiderio. Ma finora nessuno è mai stato esaudito. Tutto cambia il giorno in cui un anziano signore entra come un ciclone nella papeterie. Si tratta del famoso scrittore per bambini Max Marchais, che le chiede di illustrare il suo nuovo libro. Rosalie accetta felice e ben presto i due diventano amici, La tigre azzurra ottiene premi e riconoscimenti e si aggiudica il posto d’onore in vetrina. Quando, poco tempo dopo, un affascinante professore americano, attratto dal libro, entra in negozio, Rosalie pensa che il destino stia per farle un altro regalo. Ma prima ancora che si possa innamorare, ha un’amara sorpresa. Perché l’uomo è fermamente convinto che la storia della Tigre azzurra sia sua…

 

(Dal web)

Published in: on 26 settembre 2016 at 08:52  Lascia un commento