La mappa del destino

Titolo: La mappa del destino

Autore: Glenn Cooper

Editore: Nord

Data di Pubblicazione: Gennaio 2011

Pagine: 410

Genere: Thriller storico

Voto: 7—

Gli ingredienti che rendono le atmosfere de “La mappa del destino” un romanzo accattivante non mancano: c’è un paese misterioso i cui abitanti custodiscono un segreto, un’abbazia ricca di misteri, degli archeologi che devono risolvere un enigma.  Il continuo avvicendarsi di personaggi e di epoche mantiene ben desta l’attenzione del lettore.  

Un prezioso segreto è racchiuso fra le pagine di un antico manoscritto, miniato da un monaco nel tredicesimo secolo e rimasto sepolto da allora dentro le mura di un’abbazia medievale. Il libriccino dalla rilegatura curata e ornato con borchie argentate è illustrato con tanti disegni di piante, ed è vergato in un codice che ne rende misterioso il contenuto.
Il libro torna alla luce ai giorni nostri, proprio all’inizio del romanzo, in seguito ad un incendio che distrugge alcuni muri dell’abbazia.
Ma la storia al centro de “La mappa del destino” prende le mosse ancor prima del medioevo. Molto prima. Non lontano dall’abbazia, infatti, una caverna che è rimasta nascosta agli occhi del mondo è istoriata da splendidi graffiti.
Le pitture rupestri che ornano le dieci camere di cui si compone il complesso di grotte sono un tesoro di arte paleolitica, e raffigurano mandrie di bisonti in corsa, figure virili dal becco di uccello, le impronte di una mano disposte come una volta stellata… Nella decima camera (che dà il titolo originale al romanzo), ultima propaggine di un sito archeologico destinato a oscurare perfino quello di Lascaux per importanza e splendore, un artista preistorico ha lasciato una testimonianza del suo passaggio su questa terra: la pittura di un rigoglioso prato pieno d’erbe dai colori brillanti.
In quel giardino segreto, tracciato con pigmenti vegetali nel ventre roccioso della montagna, c’è forse la soluzione a un problema antico quanto l’uomo stesso, e il legame con il libro trovato nell’abbazia sta per emergere in tutto il suo dirompente potenziale.

Published in: on 23 aprile 2012 at 12:49  Lascia un commento