Gran Canaria – Spiaggie (1° Parte)

Sull’isola di Gran Canaria non ho trovato moltissime spiaggia, anzi nella zona nord (escluse quelle che circondano la capitale) non né ho trovata praticamente nessuna..Sicuramente quella che mi ha colpito di per le sue particolari dune è quella di  Maspalomas,  dove è anche possibile partecipare a piccole escursioni con i cammelli (che per  mancanza di tempo, purtroppo non sono riuscita a fare).

Maspalomas non è solo conosciuta per il suo enorme campo di dune vicino al mare o per l’ottimo clima, ma anche per il suo vecchio Faro, che ha visto l’arrivo dei primi turisti e la trasformazione della zona in meta di vacanze.

La decisione di costruirlo fu presa nel 1861 ed i lavori si protrassero per ben 28 anni. In quei tempi il luogo era deserto e disabitato, isolato dal resto dell’isola. Per la costruzione del faro, alto 55 metri, fu creato un molo con un piccolo attracco per lo scarico dei materiali necessari che potevano essere trasportati solo via mare.

La luce del faro fu accesa per la prima volta il 1 febbraio 1890. Il faro era l’unica costruzione alla fine della vasta distesa di spiaggia che cominciava con quella che attualmente si chiama Playa del Inglés e terminava nelle vicinanze dell’Oasi di Maspalomas. Fu costruito al fine di orientare le navi a vapore che viaggiavano tra Africa, Oceania ed America.

Oggi l’area circostante è cambiata completamente. Adesso il Faro si trova all’inizio di un’affollata zona di passeggio, con molti ristoranti e negozi di souvenir. È il posto perfetto per fare shopping, fare una sosta dopo una giornata in spiaggia, uscire a cenare o semplicemente bere qualcosa vicino al lungomare.

A pochi metri dal viale marittimo, i bagnanti e passanti s’immergono nella sabbia della Riserva Naturale delle Dune di Maspalomas, formata da tre ecosistemi: il Palmizio (Palmeral), lo Stagno (Charca) e le Dune (Dunas), che si estendono parallele a pochi metri dal mare. Tutta la zona è un enorme spazio naturale d’eccezionale valore.

A pochi metri dal Palmeral il visitatore trova un altro spazio protetto, la Charca, immerso tra il mare e la sabbia della spiaggia, e luogo di riposo per gli uccelli che migrano dall’Europa all’Africa. Vicino alla Charca si estendono gli enormi campi di dune di sabbia, modellate dal vento che soffia dall’oceano e dà loro sempre nuove forme.

Camminando in riva al mare dal Faro verso le dune, si raggiunge il punto più a sud di Maspalomas, luogo che si collega con la Playa del Inglés. Si tratta in sostanza della stessa spiaggia che in quel punto cambia nome. Percorrerla da un estremo all’altro è ormai una sana abitudine adottata dai visitatori.

Published in: on 20 giugno 2011 at 15:15  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://lilla1979.wordpress.com/2011/06/20/gran-canaria-spiaggie-1%c2%b0-parte/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: