Vecchi, folli e ribelli. Il piacere della vita nella terza età

Autore: Giampaolo Pansa

Anno edizione: 2016

Pagine: 294

Voto: 6 ½

Romanzo22

Ho letto questo romanzo con piacere, le storie narrate mi hanno fatto sorridere, riflettere. Forse l’unica pecca che posso sollevare a Pansa è di essersi concentrato troppo sul “sesso” come merce di scambio, avrei preferito che parlasse maggiormente di sentimenti.

“Vecchi, folli e ribelli” racconta senza piagnistei un protagonista dell’Italia di oggi: gli anziani. Al contrario di quanto si crede, non è un mondo di deboli, con il solo traguardo di andare al Creatore. Prima di tutto, il gusto per la vita non li ha abbandonati. Rifiutano di arrendersi e di considerare la vecchiaia una malattia incurabile. Contano molto in un Paese come il nostro dove il loro numero cresce di continuo. Nelle scelte politiche risultano decisivi, lo si è visto in Gran Bretagna nel referendum se uscire a no dall’Europa. Il mercato li coccola poiché decretano il successo o la sfortuna di un prodotto. Eppure di loro non si discute mai. Il motivo l’ho compreso quando ho compiuto gli ottant’anni. La vecchiaia impaurisce persino chi ne è ancora distante. E quasi nessuno vuole occuparsene. Ho provato a farlo con questo libro per me insolito e in parte autobiografico. Descrive la terza età nella sua forza, ma anche nei problemi che l’affliggono: la solitudine, la paura della povertà, il terrore di ammalarsi, l’angoscia di essere rapinati persino dalla propria banca, sino al rebus del rapporto tra maschi e femmine. L’amore è un test infallibile di vitalità e del desiderio di rimanere giovani. Per gli uomini lo conferma l’uso crescente di un rimedio miracoloso, il viagra. Mentre nelle donne il rifiuto della vecchiaia spinge a nascondere l’età, grazie all’abito sfacciato e alla cura del corpo.

(Dal web)

Published in: on 11 luglio 2017 at 12:59  Lascia un commento  

L’ effetto Susan

Romanzo21

Autore: Peter Høeg

Data di pubblicazione: 2016

Pagine: 333

Voto: 5 -Ho fatto molta fatica a terminare questo romanzo, troppo frammentato, troppo dispersivo. L’autore fornisce il lettore di moltissime informazioni, di moltissimi fatti, ma senza legarli fra loro, senza approfondirli.

Susan Svendsen è una scienziata che si occupa di fisica quantistica, suo marito Laban un compositore affermato, assieme ai loro due gemelli adolescenti sono la Great Danish Family: la famiglia danese perfetta, ambasciatori culturali dell’Unesco, un simbolo per l’intera nazione. Durante un viaggio in India, però, la fotografia meravigliosa va in frantumi. Gli Svendsen sono accusati di una serie di reati, vengono divisi, rischiano di finire nella rete corrotta della giustizia indiana. Miracolosamente un funzionario danese riesce a tirare fuori Susan di prigione e a riportarli tutti in Danimarca. Ma la salvezza, e l’immunità dal processo indiano, hanno un prezzo. «Cosa faresti per riavere i tuoi figli?» «Qualunque cosa» risponde Susan. E così sarà. Le viene affidata una missione senza alternative: in una Copenaghen probabile e irreale, deve rintracciare i membri della misteriosa Commissione per il Futuro e il verbale della loro ultima riunione. Perché Susan? Perché lei ha un dono, far dire la verità a chiunque incontri. La partita è più pericolosa di quello che Susan poteva immaginare e la sua ricerca si trasforma presto in una lotta contro il tempo per scoprire gli indizi di un piano – forse mondiale – destinato a mettere in salvo solo pochi eletti prima di una imminente catastrofe planetaria.

(Dal web)

 

Published in: on 11 luglio 2017 at 12:57  Lascia un commento  

Un colpo all’altezza del cuore

Romanzo20

Autore: Margherita Oggero

Anno edizione: 2012

Pagine: 317

Voto: 6 ½

Ho scoperto questa scrittrice per caso, mi piace molto il suo modo di scrivere, per questo ogni volta che vedo un suo libro lo leggo sempre molto volentieri; anche questa volta non sono rimasta delusa.

A Torino, quella mattina, fa un freddo cane e c’è aria di neve. Mentre sta andando a scuola, senza quasi aver tempo di capire cosa accade, la prof Camilla Baudino si ritrova testimone di un brutale regolamento di conti: all’incrocio tra due centralissime vie della città una moto si affianca a un’auto e con un colpo di pistola il centauro uccide il conducente della macchina, per poi sparire nel traffico. Pochi minuti dopo, ad accorrere sulla scena del delitto per dirigere le indagini arriva l’unico poliziotto da cui Camilla avrebbe desiderato tenersi alla larga: il commissario Gaetano Berardi. Sono trascorsi quasi tre anni da quando Gaetano e Camilla si sono incontrati l’ultima volta, ma il tempo – che a lui ha regalato qualche affascinante ruga in più, mentre a lei la pungente inquietudine per un matrimonio un po’ appannato e le scaramucce con una figlia nella piena adolescenza – sembra non aver sopito del tutto un’attrazione pericolosamente vicina a trasformarsi in amore. Poche ore più tardi, anche la giornata della giovane dottoressa Francesca Gariglio è destinata a prendere una piega inusuale. La polizia rinviene il cadavere di un pensionato, massacrato con una spranga: è un suo ex paziente, uno dei tanti di cui Francesca si prende cura lavorando nelle corsie dell’ospedale di Chivasso, cittadina che fino a quel momento aveva ritenuto sin troppo tranquilla..

(Dal web)

 

Published in: on 7 luglio 2017 at 14:41  Lascia un commento  

Le sorelle

Romanzo19.jpg

Autore: Claire Douglas

 Pagine: 336

Anno di pubblicazione: 2016

Voto:

Romanzo imprevedibile, il finale mi ha sorpreso, e per un thriller è sicuramente una cosa molto positiva.

La vede ovunque: al tavolino di un bar, alla fermata dell’autobus, al supermercato. Ogni volta, per un istante Abi dimentica l’incidente, dimentica che sua sorella Lucy è morta, dimentica il dolore che la consuma da oltre un anno. E, ogni volta, Abi rimane inevitabilmente delusa. Ha tagliato i ponti con la famiglia, si è isolata dagli amici e si è trasferita in un’altra città, nella speranza di cominciare una nuova vita, però è stato inutile: nessuno dovrebbe mai sopravvivere alla propria gemella. Eppure, quando incontra Bea, Abi ha l’impressione che il destino le stia finalmente dando una seconda occasione. Perché quella ragazza non solo è fisicamente identica a Lucy, ma le assomiglia pure nel modo di parlare e di vestirsi. Inoltre anche lei ha un gemello, Ben, perciò più di chiunque altro comprende il vuoto che sente Abi. E si propone di colmarlo, accogliendola nella grande casa che divide col fratello. Se con Bea è stata un’affinità istantanea, con Ben è amore a prima vista. Tuttavia, più tempo passa insieme con loro, più Abi si convince che ci sia qualcosa che non vada. All’inizio era solo una sensazione, ma poi sono arrivate le fotografie strappate e gli oggetti spariti dalla sua camera. Sono opera di Bea, gelosa per la relazione del fratello? Abi quasi spera che sia così. Altrimenti vorrebbe dire che qualcuno ha scoperto il suo segreto.

(Dal web)

 

Published in: on 7 luglio 2017 at 14:38  Lascia un commento  

Nascita

Venerdì sono diventata zia per la terza volta…è nato Samuele…l’emozione è sempre la stessa…prendere in braccio una nuova vita mi riempie il cuore d’amore…

 

 

Alcuni dicono che la felicità bisogna cercarla lontano; altri dicono che dimora vicino, nella casa; ma la felicità perfetta è nella culla di un bimbo.

 

(Proverbio cinese)

 

1.jpg

 

 

Un bambino appena nato. Un batuffolo di luce lanciato dalle stelle più lontane. E dentro ci sono già le leggi della vita, le formule segrete della meraviglia e le prime chiavi per aprire le forme del mondo.

(Fabrizio Caramagna)

2.jpg

 

La nascita è l’improvvisa apertura di una finestra, attraverso la quale ci si affaccia su di una prospettiva stupenda. Che cosa è successo? Un miracolo. Hai scambiato il nulla con la possibilità del tutto.

(William Macneile Dixon)

3

 

 

Published in: on 26 giugno 2017 at 10:16  Lascia un commento  

La setta dei golosi

Romanzo18

Autore: di Giuseppe Pederiali

Anno di pubblicazione: 2016

Pagine: 294

Voto: 6

Libro scritto bene, ma la storia non mi ha conquistato, mi aspettavo molto di più. Poi la fine non mi ha convinto, troppo affrettata, avrei preferito che l’autore si soffermarsi maggiormente su alcuni aspetti.

Da sempre la cucina è la più grande passione di Matilde, una passione tramandata in famiglia: il nonno aveva una trattoria e un avo era un celebre cuoco degli Estensi. Da loro Matilde ha ereditato l’amore per il cibo che prepara, gusta e serve ai suoi clienti dell’Osteria della Fola. La sua vita tranquilla cambia il giorno in cui per caso incontra Jacopo, un vagabondo sbucato come un fantasma dalla nebbia che avvolge Ferrara. Matilde sente di potersi fidare di lui e lo accoglie nel suo ristorante, dove, vedendolo a suo agio tra spezie e tortellini, scopre il suo dono: è un brillante cuoco. Il suo modo di cucinare è unico al mondo. Conosce le più antiche tradizioni culinarie e gli ingredienti perfetti per esaltare ogni manicaretto. I due cominciano a lavorare insieme, per il successo dell’osteria e la felicità di Matilde. Eppure all’improvviso qualcosa minaccia quest’armonia: due amici di Matilde, un noto giornalista-gourmet e un anziano cuoco, muoiono tragicamente dando il via a una macabra serie di delitti orchestrati da un’oscura società segreta. La setta dei Golosi è disposta a tutto per raggiungere il suo scopo: trovare chi custodisce la Sublime ricetta, che secondo la leggenda sa regalare l’immortalità. Nessuno chef è più al sicuro. Perché, come accade nella vita, anche in cucina arriva il momento in cui non è più possibile tenere nascosti i propri segreti.

(Dal web)

Published in: on 16 giugno 2017 at 09:03  Lascia un commento  

Tre figlie di Eva

Elif Shafak inaugura BookCity Milano 2016 e presenta in Italia il suo nuovo romanzo

Autore: Elif Şafak

Traduttore: A. Gewurz Daniele, I. Zani

Editore: Rizzoli

Anno edizione: 2016

Pagine: 448

Voto: 6 –

Di questa scrittrice avevo letto la Bastarda di Instabul, che mi aveva trasportato in un’altra realtà, mi aveva fatto sognare, innamorare di Istabul. Iniziando la lettura di questo nuovo romanzo, ero convinto di rivivere le stesse emozioni, invece ho faticato a terminare il romanzo. Troppe riflessioni filosofiche, poco spazio ai sentimenti. Il finale poi mi ha deluso molto.

Peri ha trentacinque anni, tre figli, un marito e una vita agiata nella città dov’è nata, Istanbul. Si sta recando a una cena lussuosa quando le viene rubata la borsa. Lei reagisce, i ladri scappano e dalla borsa cade una vecchia polaroid in cui compaiono quattro volti: un uomo e tre giovani ragazze a Oxford. Una è Shirin, bellissima iraniana, atea e volitiva; la seconda è Mona, americana di origini egiziane, osservante, fondatrice di un gruppo di musulmane femministe e poi Peri, cresciuta osservando il laico secolarismo del padre e la devota religiosità islamica della madre, incapace di prendere posizione sia nella disputa famigliare sia nel suo stesso conflitto interiore. Tre ragazze, tre amiche con un retroterra musulmano, eppure così diverse: la Peccatrice, la Credente e la Dubbiosa. L’uomo nella foto invece è Azur, docente di filosofia ribelle e anticonformista, e sostenitore del dubbio come metodo di comprensione della realtà. A Oxford la giovane Peri cercava la sua «terza via», la stessa che predicava e professava Azur, di cui si innamora. Sarà questo incontro a sconvolgerle la vita, fino allo scandalo che la riporterà in Turchia.

(Dal web)

Published in: on 16 giugno 2017 at 08:54  Lascia un commento  

Lo stupore di una notte di luce

Autore: Clara Sánchez

Traduttore: E. Budetta

Editore: Garzanti Libri

Collana: Narratori moderni

Anno edizione: 2016

Pagine: 398

Voto: 6 ½

Romanzo16.jpg

 

Non ho letto “Il profumo delle foglie di limone”, per questo all’inizio ho fatto un po’ di fatica a capire la storia…ma piano piano sono riuscita a comprendere i fili che legavano i protagonisti. Il romanzo è ricco di colpi di scena…molti sviluppi non me li sarei aspettati.

È una notte stranamente luminosa. Una notte in cui il buio non può più nascondere nulla. Lo sa bene Sandra mentre guarda suo figlio che dorme accanto a lei. Ha fatto il possibile per proteggerlo. Ma nessuno è mai davvero al sicuro. Soprattutto ora che nella borsa dell’asilo ha trovato un biglietto. Poche parole che possono venire solo dal suo passato: “Dov’è Juliàn?”. All’improvviso il castello che Sandra ha costruito crolla pezzo dopo pezzo: il bambino è in pericolo. Sandra deve tornare dove tutto è iniziato. Dove ha scoperto che la verità può essere peggio di un incubo. Dove ha incontrato due vecchietti che l’hanno accolta come una figlia, ma che in realtà erano due nazisti con le mani sporche di sangue innocente, che inseguivano ancora i loro ideali crudeli e spietati. È stato Juliàn ad aiutarla a capire chi erano veramente. Lui che, sopravvissuto a Mauthausen, ha cercato di scovare quei criminali ancora in libertà. Lui ora è l’unico che può conoscere chi ha scritto quel biglietto e perché. Juliàn sa che la sua lotta non è finita, che i nazisti non si sono mai arresi. Si nascondono dietro nuovi segreti e tradimenti. Dietro minacce sempre più pericolose. E quando il figlio di Sandra viene rapito, l’uomo sente che bisogna fare qualcosa e in fretta. Perché in gioco c’è la vita di un bambino. Ma non solo. C’è una sete di giustizia che non può ancora essere messa a tacere.

(Dal web)

 

Published in: on 16 giugno 2017 at 08:50  Lascia un commento  

Festa di nozze con brivido

Autore: Carol Higgins Clark

Traduttore: M. B. Piccioli

Editore: Sperling & Kupfer

Anno edizione: 2005

Pagine: 277

Voto: 6 +

Romanzo15

A metà fra il thriller e la commedia questo romanzo mi ha fatto compagnia durante i miei spostamenti in treno. Una lettura piacevole.

Lucretia, un’anziana vedova, ex diva del muto, investiti i soldi dell’eredità del marito e ricavatane una favolosa fortuna, decide, prima di risposarsi, di regalare una cospicua fetta di quel patrimonio agli unici parenti che le sono rimasti. Ma i legittimi destinatari non sanno che su quel tesoro ha già messo gli occhi il futuro sposo, un giovane e agguerrito cacciatore di dote, abile nel raggirare le facoltose e mature abitanti di Los Angeles. Sanno bene invece che, se non trovano l’irrintracciabile Whitney, figlia di Lucretia, entro la data della cerimonia, vedranno sfumare una cifra da capogiro. O almeno è ciò che una domestica di Lucretia gli ha rivelato di nascosto. Ma sarà vero? È in questo scenario che viene chiamata Regan Reilly, la brillante detective.

(Dal web)

 

Published in: on 14 giugno 2017 at 13:44  Lascia un commento  

La gallina che sognava di volare

Autore: Sun-Mi Hwang

Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 144

Voto: 6 ½

Romanzo14

 

Bel racconto per ragazzi ma anche per gli adulti…Tutti abbiamo qualcosa da imparare da Gemma.

Gemma è una gallina prigioniera di una stia e tormentata da un sogno impossibile: poter covare un uovo e vederlo dischiudere. Ma le sue uova, destinate alla vendita, le vengono sempre sottratte e non diventeranno mai pulcini. Sfinita dalla fatica e dal dispiacere, avviata a una fine terribile, con uno scarto improvviso Gemma si ritrova libera. Grazie all’aiuto del germano Ramingo riesce a sfuggire alle grinfie della donnola e comincia ad assaporare le gioie di una vita che ricomincia daccapo. La nuova libertà tuttavia ha un peso e un prezzo: Gemma non appartiene a una famiglia, un branco, uno stormo. È sola. L’incontro con un grosso uovo azzurrino darà un senso ai suoi giorni, ma il piccolo che ne sbuca non assomiglia a quelli della gallina dell’aia: è un essere diverso, solitario come lei, che deve trovare il suo posto nel mondo e guardarsi dalle avide mire della donnola. Sembra proprio che nell’esistenza di Gemma non ci sia posto per un po’ di pace: ma sono proprio le difficoltà e gli ostacoli a darci il senso di quanto può farsi grande una gallina quando lotta per ciò in cui crede. Una favola d’amore e di dolore, di coraggio e sacrificio, per lettori di tutte le misure.

 

(Dal web)

 

Published in: on 14 giugno 2017 at 13:42  Lascia un commento